Funambolo

Giustini / Stagetti

Un cilindro tornito, composto da un braccio più lungo in legno e da uno più corto in metallo di identico colore, si appoggia su un tondino e trova il suo equilibrio in un punto inaspettato lontano dal suo centro, in una sospensione quasi magica. Una striscia led è incassata nella parte in legno dell’asta e può essere direzionata con una semplice rotazione lungo il suo asse longitudinale.

Nome
Funambolo
Galleria
Giustini / Stagetti
Anno
2019
Assistente al progetto
DARIO PASSI
La collezione Funambolo si ispira all’immaginario poetico degli acrobati e degli equilibristi che con la loro asta si stagliano all’orizzonte generando linee pure ed essenziali.
L’estrema semplicità formale della lampada nasconde una complessa ricerca per annullare elementi tecnici a vista: la conduzione magnetica permette il passaggio elettrico semplicemente con il contatto tra le due aste sovrapposte.
Il trasformatore, anch’esso cilindrico, è sospeso al filo di alimentazione in tensione.
Tre sono le essenze disponibili: rovere nero fossile, palissandro e frassino grigio, accostate, tono su tono, alle rispettive finiture metalliche.